Sempre più persone scelgono oggi il matrimonio civile per questo il Comune di Legnano, nel milanese, ha deciso di organizzare un corso prematrimoniale per le unioni laiche, aperto a tutti: anche alle coppie gay. Gli incontri sono tenuti da uno psicologo, una coppia guida, un avvocato matrimonialista, un consulente familiare e anche da don Paolo Gessaga, uno dei parroci di Legnano che si è detto pronto ad accogliere tutti per spiegare cosa significhi superare la concezione più idealistica del matrimonio. A darne notizia è Il Giorno, che spiega come questa iniziativa sia nata dalla proposta dall’associazione Famiglia in ascolto, che organizza cinque appuntamenti laici in collaborazione con il Comune.

D’ora in avanti quindi, a chiunque si sposerà con rito civile o chiederà un’unione civile verrà sottoposta in automatico la possibilità di seguire il corso. Dal canto suo, don Gessaga ci tiene a precisare che il suo sarà un ruolo solo di mediazione all’interno del gruppo di lavoro e sull’eventuale presenza di coppie gay al corso dice: “Non c’è alcun tipo di problema, sono tutti benvenuti e di certo io sarò presente. Non vedo ostacoli: si lavorerà con il gruppo ma anche sul singolo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Napoli, la nostra banda di 75 bambini. Così li strappiamo dal disagio sociale e da situazioni disastrate”

prev
Articolo Successivo

British airways, il mio ‘non volo’ da incubo. Così sono rimasta a terra senza spiegazioni

next