“Assoluta rilevanza strategica” per contrastare i tentativi della criminalità economica e organizzata di riciclare capitali sporchi. Un altro giro di vite nei controlli alle frontiere, ancora più fitti e stringenti. È quanto ha chiesto il comando generale della Guardia di finanza con una circolare – che Il Fatto è in grado di svelare – inviata a tutte le sedi regionali lo scorso 23 febbraio spingendo anche verso l’incentivazione del dialogo con le procure.

L’oggetto è chiarissimo: “Intensificazione attività investigativa sui flussi di capitali non dichiarati alla frontiera”. Nelle tre pagine i vertici della Finanza ricordano che i controlli per scovare contanti occultati “dovranno sempre più costituire (…) un efficace deterrente per arginare i tentativi” dei clan di sfruttare le opportunità “offerte dai principi europei di libera circolazione” per incrementare i guadagni illeciti.

E per questo vengono fornite nuove disposizioni per la “valorizzazione in chiave investigativa degli elementi acquisiti” durante i controlli per contrastare i “possibili casi di riciclaggio, finanziamento al terrorismo o traffici illeciti” da e verso l’estero attraverso aree portuali, aeroportuali e confine. Linee guida finalizzate a incrementare i risultati de 2017 che hanno portato a riscontrare 6.225 violazioni (+30% sul 2016) che hanno portato alla scoperta di quasi 173 milioni di euro (+112%).

Ecco quindi la richiesta ai comandi affinché forniscano “ulteriori e dettagli indirizzi operativi” ai finanzieri impegnati nei controlli per approfondire “tipologia e organizzazione del viaggio” concentrando l’attenzione su provenienza e destinazione, durata, prenotazione alberghi, tipologia bagagli e “dichiarazioni rese, se possibile separatamente, dai vari compagni di viaggio” quando vengono scovati importi di denaro superiori alle soglie imposte dalla legge.

Di più: se ci sono particolari “sistemi di occultamento del contante” o “composizioni e taglio della valuta”, il Comando generale chiede di svolgere immediatamente approfondimenti su “capacità reddituale”, precedenti e occupazione della persona controllata così da dare subito “sviluppo tipicamente investigativo” e “poter procedere al sequestro preventivo“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Taranto, Casapound: “Aggredito il nostro candidato Raffaele De Cataldis. Chiediamo l’intervento della Digos”

next
Articolo Successivo

Massoneria, viaggio nella loggia del Grande Oriente: ‘Qui niente politica’. Ma c’è l’uomo di Fi: ‘È il nostro candidato’

next