Un militante di CasaPound è stato aggredito a Livorno mentre stava tentando di riattaccare un manifesto strappato in via Garibaldi. L’uomo è un militare del 185° Reggimento Acquisizione Obiettivi dell’Esercito e, secondo quanto fa sapere CasaPound, è stato assalito da quattro persone che, cappucci alzati e bastoni alla mano, prima lo hanno picchiato e poi hanno sfondato i finestrini della sua auto, al cui interno era presente la compagna incinta, rimasta illesa anche se sotto choc. L’esponente del movimento di estrema destra è stato trasportato al pronto soccorso in codice rosso. Per le lesioni subite rischia di perdere un occhio. La polizia è al lavoro per analizzare i filmati di alcune videocamere di sorveglianza nella zona.

video di Angela Gennaro

Intanto, sulla pagina Facebook del movimento, il segretario nazionale Simone Di Stefano parla di “caccia all’uomo” e scrive: “È incredibile quello che sta accadendo in Italia. Mentre le più alte cariche dello Stato vanno manifestando e lanciano allarmi sul sedicente pericolo fascista, gli antifascisti lanciano cacce all’uomo, rivendicano con orgoglio brutali pestaggi, aggrediscono e insultano le forze dell’ordine nella totale impunità. Al nostro militante gravemente ferito, va la più totale solidarietà e vicinanza del movimento”. Poi il leader di CasaPound attacca il ministro dell’Interno Marco Minniti che “non ha speso una parola sulle minacce di chi ha promesso di mettere a ferro e fuoco Roma per impedirci di parlare al Pantheon”.