Un uomo sta guidando la sua moto lungo un’autostrada in California. Improvvisamente perde il controllo del mezzo, cade e viene proiettato verso il centro della carreggiata, mentre sta passando un autoarticolato. Ma quello che accade in quei pochi, drammatici secondi lascerà di stucco il motociclista e tutti quelli che vedranno le immagini registrate dalla telecamera montata sul casco. Scivolando sull’asfalto ad alta velocità, l’uomo passa sotto al camion attraversandolo tra le ruote posteriori e il rimorchio. Con il cuore in gola si rialza sulle sue gambe, scoprendo di avere solo delle abrasioni al ginocchio e ad un’anca. Sarebbe bastato un secondo in più e il mezzo pesante l’avrebbe travolto. Soccorso a bordo strada da alcuni automobilisti, il centauro non riesce a smettere di ringraziare per quei pochi istanti che gli hanno permesso di rimanere vivo: “Sono vivo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Passi il quad in autostrada… ma così è decisamente troppo: nudo e contromano. Il video del fuggitivo è surreale

next
Articolo Successivo

Il sedicenne più alto del mondo: “Ecco come mi metto al volante”. La promessa del basket in 2 metri e 33 di autoironia

next