A pochi giorni dal voto, tra programmi elettorali tanto strabilianti quanto inverosimili, gli italiani – che si apprestano a votare  in un Paese in cui la povertà e l’ineguaglianza delineano sotto molti aspetti un rapporto fra Stato e cittadino come tra un sovrano e i suoi sudditi – dovrebbero leggere (o rileggere) Istruzioni alla servitù dello scrittore irlandese Jonathan Swift. Uno spietato e beffardo manualetto del sabotaggio e della rappresaglia pubblicato nel 1745: “Come e qualmente i Servitori possano e debbano disubbidire, confondere, ingannare, ridicolizzare, truffare, svergognare, umiliare i loro Padroni”.

Le istruzioni (o meglio, istruzioni a mal fare) riguardano tutti i servi in generale: al maggiordomo, alla cuoca, al valletto, allo stalliere, alla cameriera, alla balia, alla governate e all’istitutrice ecc. e forniscono precise indicazioni su come sabotare, ridicolizzare, smascherare, sbugiardare il proprio Padrone. Nelle istruzioni alla Fantesca si raccomanda che “se il padrone e la padrona vanno in campagna per una settimana o più, di non lavar mai la camera da letto o la sala da pranzo” se non “giusto un’ora prima di quando tu prevedi che tornino”. E alla cuoca “se hai l’incarico di far la spesa, compra la carne al più al più basso prezzo possibile: ma quando rendi i conti, sii gelosa dell’onore del tuo padrone; e segna il prezzo più altro” e ancora alla cuoca “se la padrona ti ordina di metter su pezzo di carne per cena, non interpretarlo nel senso che devi metterla tutta; perciò puoi offrirne metà a te stessa e al maggiordomo”. E alla cameriera “indossa la camicetta della tua padrona… ti darà prestigio, risparmierà la tua biancheria, e non ne soffrirà affatto”.

Questo necessario esercizio di sabotaggio – avverte Lodovico Terzi nella sua bellissima introduzione – che ogni lettore attento potrà facilmente trasporre dalla cucina a tutti gli altri possibili luoghi, ci mostra il Servitore che vessa il Padrone e lo sfrutta, ledendo in questo modo, l’aureola della Sovranità ben più gravemente che con un pamphlet di immediato tema politico. Una piccola antropologia del Risentimento – continua Terzi – in cui il disprezzo per le conclusioni rassicuranti, la conoscenza arcigna della realtà, l’uso del paradosso e dell’ironia, sono considerati di pubblica utilità.

Foto tratta da Lombardia Beni culturali

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, Renzi: “Sulle banche non siamo scappati…”. E il militante contesta: “E Boschi dove l’abbiamo candidata?”

next
Articolo Successivo

Elezioni, Di Maio a La7 presenta quattro ministri M5s: “La mia squadra di governo sarà di 18 persone”

next