È una delle più belle realtà della Serie A, gioca un calcio splendido, lancia giovani italiani e promettenti, in Europa è uscita a testa altissima contro il Borussia Dortmund e in campionato è di nuovo in corso per un piazzamento nelle coppe. Con la forza delle idee del suo allenatore è una delle poche formazioni in grado di impensierire le prime della classe e giocarsela contro tutte. L’Atalanta. La seconda/terza squadra dei nerazzurri, invece, è una compagine modesta che farebbe fatica a salvarsi. Ecco, ieri a Torino contro la Juventus avrebbe dovuto scendere in campo la seconda, e non la prima che siamo abituati ad ammirare ogni domenica.

Gollini, Toloi, Palomino, Mancini, Castagne, Haas, De Roon, Gosens, Melegoni, Rizzo, Cornelius: al momento della consegna delle formazioni ufficiali, in tanti hanno pensato ad un errore, o di essersi confusi. Quella degli ospiti sembrava la distinta della panchina: dal portiere di riserva al bomber di scorta, passando per un paio di ragazzini della Primavera con una manciata di minuti a testa in Serie A e convocati giusto per far numero. Invece era davvero lo schieramento titolare: Gasperini aveva cambiato 9/11 della formazione-tipo, lasciando a riposo tutti i migliori, dal Papu Gomez a Ilicic, passando per Masiello, Cristante e i quasi ex Caldara e Spinazzola (loro sono già di proprietà della Juve). Il mister ha preferito concentrarsi sulla Coppa Italia e la possibilità di alzare uno storico trofeo (mercoledì alle 17.30 c’è il ritorno proprio contro i bianconeri, anche se le chance di passare sono piuttosto ridotte dopo lo 0-1 dell’andata). Ma così facendo, snobbando il campionato, avrebbe anche inficiato un po’ la sua regolarità, regalando i probabili tre punti alla Juventus in lotta con lo scudetto per il Napoli.

Apriti cielo. In tutti i sensi: a Torino è cominciata a venir giù una nevicata epocale, che ha reso impossibile anche solo iniziare la partita. Su internet, invece, si è scatenata la polemica (dei napoletani in particolare, ma non solo) sulla “Scansalanta”. Ironie sui saluti fin troppo amichevoli a bordocampo tra Marotta e Gasperini, allusioni sui trascorsi juventini del tecnico (la sua brillante carriera nasce nelle giovanili bianconere), insinuazioni sui rapporti stretti fra le due società (che hanno fatto tanti affari insieme). Insomma, il solito campionario di complottismo anti-juventino. Solo che stavolta si fondava su un fatto oggettivo.

A dare loro ragione è stato proprio Gasperini: qui non si tratta di una brutta sconfitta, che ad alcuni può sembrare figlia di scarso impegno ma magari dipende solo dalla schiacciante superiorità degli avversari. Qui siamo di fronte ad una squadra di media-alta classifica (perché l’Atalanta ormai lo è a pieno titolo), che in una sfida decisiva per lei e per tutto il campionato rinuncia a priori a giocarsela, schierando deliberatamente tutte le riserve. La stessa Atalanta, per altro, che negli ultimi anni ha portato via punti preziosi al Napoli, e che all’andata era stata capace di fermare pure la Juventus. La scelta di ieri è offensiva nei confronti della Serie A. Pericolosa per la stessa regolarità del campionato (perché se passa il precedente che un club possa presentarsi con la squadra di riserva, allora vale tutto). Soprattutto, è del tutto incomprensibile visto che la finale di Coppa Italia è quasi una chimera e il campionato resta l’univo vero obiettivo stagionale degli orobici.

Senza dare troppa corda ai complottisti (ci ha già pensato Gasperini), Juve-Atalanta sembra solo la conferma che tante squadre in Serie A, per una sorte di timore reverenziale nei confronti dei campionissimi, rinuncino a priori a giocare una partita data per persa in partenza, preferendo risparmiare energie e concentrarsi su match che ritengono più alla portata. Di solito questo si traduce in una prestazione molle o demotivata (vedi Sassuolo), ieri l’Atalanta aveva proprio esagerato. E il turnover in vista dell’impegno di mercoledì non è una scusa sufficiente. Per fortuna un dio dall’alto ha visto e provveduto. Juventus-Atalanta Primavera è stata rinviata a data da destinarsi, probabilmente a metà marzo. E magari fra un mese Gasparini, passata la Coppa Italia e memore delle polemiche, si ricorderà persino di schierare la migliore formazione possibile. Come fa benissimo ogni domenica da due anni a questa parte.

Twitter: @lVendemiale

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Neymar, lacrime e barella: sospetta distorsione alla caviglia per il brasiliano durante la partita contro il Marsiglia

prev
Articolo Successivo

Davide Astori morto nella notte: “Colto da malore a Udine”. La Fiorentina piange il capitano. Rinviata la giornata di A

next