Teniamo in fondo ai pronostici The Breadwinner di Nora Twomey e Anthony Leo e Baby Boss di Tom McGrath e Ramsey Ann Naito. Il primo, con produttrice esecutiva Angelina Jolie, pur essendo la storia di una bambina che si ribella ai draconiani divieti contro la donna dei talebani afgani, e pur avendo il pedigree creativo e produttivo degli irlandesi di Cartoon Saloon (quelli del candidato agli Oscar 2014, Song of the sea), non ha quella compattezza di linguaggio e la piena maturità da lungometraggio d’animazione che non va oltre il contenuto politico forte. Il secondo, invece, produzione Dreamworks, pur nella disinibita e spiritosa prepotenza anche un po’ misogina del protagonista Baby Boss, ricade nel calderone degli schizzi provenienti dall’affare “Weinstein” perché il protagonista, appunto è doppiato da Alec Baldwin, altra figura non uscita del tutto limpida dai battibecchi sul tema della difesa delle donne dalle molestie sessuali.

INDIETRO

Oscar 2018, miglior film animato: ecco perché il favorito non è più Coco

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Berlinale 2018, Orso d’oro a Touch me not di Adina Pintilie. A Wes Anderson il premio per la miglior regia

next
Articolo Successivo

Oscar 2018, la sfida tra le attrici non protagoniste: c’è anche la regina dell’R&B Mary J. Blige

next