C’è una terza persona arrestata per il pestaggio del carabiniere durante la manifestazione antifascista dello scorso sabato a Piacenza. La Digos piacentina ha fermato in mattinata un modenese appartenente al collettivo Guernica: secondo le indagini, come i due attivisti finiti in manette a Pavia e Torino giovedì sera, ha partecipato all’aggressione al militare, immortalata da un video.

 

La persona arrestata a Pavia – stando alla ricostruzione degli investigatori – ha prima sottratto lo scudo al militare e poi lo ha utilizzato per colpirlo più volte. Il manifestante bloccato a Torino sarebbe la persona che, dopo aver colpito ripetutamente con un’asta di una bandiera i carabinieri che stavano fronteggiando il corteo, avrebbe fatto lo sgambetto al militare, facendolo cadere in terra.

L’analisi dei video ha permesso di risalire anche al modenese, che avrebbe partecipato con loro al pestaggio dell’agente avvenuto durante un corteo al quale hanno partecipato circa 400 manifestanti per protestare contro l’apertura di una sede di CasaPound. Scortati da circa ottanta fra poliziotti e carabinieri, coordinati dalla questura, alcuni di loro hanno tentato di cambiare il percorso ma sono stati bloccati dai reparti della polizia. A quel punto la testa del corteo – composta da centri sociali e antagonisti di sinistra – si è scontrata con uomini dei carabinieri di Bologna. Il militare, rimasto isolato, è stato aggredito e picchiato dai manifestanti con il volto coperto e armati di bastoni e sassi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Igor il russo, la sua rivelazione agli inquirenti: “Sono fuggito dall’Italia in bicicletta”

next
Articolo Successivo

Bologna, esplosione nelle cantine di un palazzo in via Pietro Canonici: un morto. “Stava maneggiando materiale bellico”

next