“Chi dice che i movimenti di destra sono i mandanti morali di Macerata è mandante morale dei ragazzi dei centri sociali che hanno pestato a sangue un carabiniere”, così Simone Di Stefano, candidato premier per CasaPound intervistato questa mattina al Palazzo delle Stelline. “A Macerata e Piacenza ho visto l’Italia peggiore, che parla di infoibare gli italiani e acclama gli invasori che poi spesso troviamo a maciullare le ragazzine e a metterle nelle valigie. Mi aspetto che Minniti dica qualcosa per il carabiniere picchiato a sangue dagli antifascisti militanti”. Prosegue poi sulle imminenti elezioni: “Ci candidiamo, prenderemo i voti, entreremo in parlamento. Chi opera nella democrazia, accetta le regole come noi, non può essere sciolto per fare un favore alla sinistra che non riesce a parlare a lavoratori e disoccupati”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Corteo Macerata, Salvini: “Da italiano mi vergogno”. Ma Forza Italia: “Sì ai cortei antifascisti”. Grasso: “Pd è stato debole”

prev
Articolo Successivo

Macerata, il sindaco Carancini: “Manifestazione? Bella ma molto connotata politicamente. Alla città serve altro”

next