“Chi dice che i movimenti di destra sono i mandanti morali di Macerata è mandante morale dei ragazzi dei centri sociali che hanno pestato a sangue un carabiniere”, così Simone Di Stefano, candidato premier per CasaPound intervistato questa mattina al Palazzo delle Stelline. “A Macerata e Piacenza ho visto l’Italia peggiore, che parla di infoibare gli italiani e acclama gli invasori che poi spesso troviamo a maciullare le ragazzine e a metterle nelle valigie. Mi aspetto che Minniti dica qualcosa per il carabiniere picchiato a sangue dagli antifascisti militanti”. Prosegue poi sulle imminenti elezioni: “Ci candidiamo, prenderemo i voti, entreremo in parlamento. Chi opera nella democrazia, accetta le regole come noi, non può essere sciolto per fare un favore alla sinistra che non riesce a parlare a lavoratori e disoccupati”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corteo Macerata, Salvini: “Da italiano mi vergogno”. Ma Forza Italia: “Sì ai cortei antifascisti”. Grasso: “Pd è stato debole”

next
Articolo Successivo

Macerata, il sindaco Carancini: “Manifestazione? Bella ma molto connotata politicamente. Alla città serve altro”

next