Gli abiti dell’Ariston

Michelle aveva cominciato bene con un nero lungo, scollato, che valorizzava la sua invidiabilissima forma. Poi non ne azzeccato quasi uno. Tra i più brutti i bicolor bianco/nero, quello con l’enorme strascico fucsia e quello fatto a fiore (in gara con quello indimenticato della Clerici nel 2010). E dire che, con quel fisico,  per vestire lei ci vuole poco.

Baglioni si è cambiato più frequentemente di una valletta: lo smoking bianco ha fatto rimpiangere quello glitterato. No comment l’abito con il bolerino. Favino ha provato a darsi un tono con qualche mise scapricciata, ma non è roba per lui. L’aria rassicurante gli dona di più. Premio della critica a Virginia Raffaele in lungo nero scollato sulla schiena: da urlo.

Sanremo 2018, il meglio e il peggio secondo Silvia Truzzi: Virginia Raffaele e Fiorello magnifici, il Mago Forest una delle pagine peggiori

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sanremo 2018, Giusy Ferreri con gli ex Pooh non funziona. Ron e Alice incantano senza fare pagliacciate

next
Articolo Successivo

Sanremo 2018, le pagelle di Martina Dell’Ombra serata duetti: Vanoni con il ‘bono’ che canta male, Vibrazioni con Skin ‘superpotenza’

next