È stato arrestato nel 2011 con l’accusa di essere il mandante dell’omicidio del suo socio in affari Luciano Butti a Phuket. E per questo è stato condannato a morte dalla suprema corte thailandese, nonostante lui si sia sempre proclamato innocente. La vicenda giudiziaria di Denis Cavatassi, 50 anni di Tortoreto (Teramo), è al centro della conferenza stampa che si terrà martedì 6 febbraio alla sala Nassirya del Senato alle ore 12, alla quale oltre al senatore Luigi Manconi, presidente della Commissione per la tutela dei diritti umani, interverranno Romina e Adriano Cavatassi, l’avvocato Alessandra Ballerini, Antonio Marchesi, presidente di Amnesty International Italia e l’avvocato Francesca Carnicelli, membro della Onlus Prigionieri del silenzio. In questi anni, ricorda infine il comunicato, Cavatassi ha sempre respinto ogni accusa, lamentando numerose e reiterate violazioni del diritto a un equo processo e a una detenzione rispettosa della dignità della persona.

Articolo aggiornato alle 18.13 dell’8 febbraio 2017

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ankara, qui i curdi sono senza dubbio atipici. Soprattutto quelli siriani

prev
Articolo Successivo

Larry Nassar, terza e finale sentenza per ex medico Usa che ha abusato di centinaia di atlete

next