È stato arrestato nel 2011 con l’accusa di essere il mandante dell’omicidio del suo socio in affari Luciano Butti a Phuket. E per questo è stato condannato a morte dalla suprema corte thailandese, nonostante lui si sia sempre proclamato innocente. La vicenda giudiziaria di Denis Cavatassi, 50 anni di Tortoreto (Teramo), è al centro della conferenza stampa che si terrà martedì 6 febbraio alla sala Nassirya del Senato alle ore 12, alla quale oltre al senatore Luigi Manconi, presidente della Commissione per la tutela dei diritti umani, interverranno Romina e Adriano Cavatassi, l’avvocato Alessandra Ballerini, Antonio Marchesi, presidente di Amnesty International Italia e l’avvocato Francesca Carnicelli, membro della Onlus Prigionieri del silenzio. In questi anni, ricorda infine il comunicato, Cavatassi ha sempre respinto ogni accusa, lamentando numerose e reiterate violazioni del diritto a un equo processo e a una detenzione rispettosa della dignità della persona.

Articolo aggiornato alle 18.13 dell’8 febbraio 2017

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ankara, qui i curdi sono senza dubbio atipici. Soprattutto quelli siriani

next
Articolo Successivo

Larry Nassar, terza e finale sentenza per ex medico Usa che ha abusato di centinaia di atlete

next