Addio a Ingvar Kamprad. Il fondatore di Ikea aveva 91 anni ed è morto nella sua casa di Smaland (Svezia). L’imprenditore, accusato in più occasioni di avere un passato filonazista di cui poi si è pentito, iniziò la sua attività vendendo fiammiferi a buon mercato. Nel 1943, quando aveva 17 anni, con il premio che ricevette da suo padre per il buon rendimento scolastico diede vita a quello che qualche decennio dopo diventò un impero economico che ha posizionato il suo creatore per anni nella lista dei paperoni del mondo.

Il nome Ikea è l’acronimo delle iniziali di Ingvar Kamprad e di Elmtaryd e Agunnaryd, rispettivamente la fattoria e il paese del sud della Svezia dove crebbe. Inizialmente Ikea vendeva penne, orologi, cornici, calze di nylon tutti articoli a prezzo rigorosamente ridotto. I mobili vennero introdotti nel 1950 e sei anni dopo ci fu la felice intuizione di vendere mobili smontati che il cliente poteva, con l’aiuto di semplici istruzioni, assemblare a casa, riducendo così i costi. Da allora il successo è stato inarrestabile. “Siamo profondamente rattristati dalla scomparsa di Ingvar – ha commentato l’amministratore delegato e presidente dell’Inter Ikea Group, Torbjorn Loof -. Ricorderemo la sua dedizione e il suo impegno a schierarsi sempre con la gente, a non arrendersi mai, a cercare sempre di migliorare e guidare e dare l’esempio”. Kamprad aveva lasciato tutte le cariche operative, ma aveva continuato a collaborare come consulente senior.

L’imprenditore ha costruito negli anni un impero con un fatturato enorme pari a 35 miliardi e una rete commerciale di 175 negozi in 31 Paesi che dà lavoro a a 190mila persone. Ma il fondatore dell’impero dell’arredamento fai-da te, fino a qualche anno fa, ha continuato a condurre in Svizzera una vita spartana, viaggiando in classe economica e guidando una vecchia Volvo. Quindici anni fa Kamprad, che ha vissuto per un periodo anche in Danimarca, aveva lasciato il suo impero passando la mano ai suoi tre figli, non senza avere prima però trasformato la società in fondazione per impedire che eventuali dispute di successione tra i figli potessero intaccare l’Ikea. Nel 2014 dalla Svizzera era ritornato in Svezia.

In un libro dal titolo “Storia di Ikea”, da lui autorizzato e pubblicato nell’agosto 1998, Kamprad ammise di avere una dipendenza dall’alcol da oltre 30 anni che lo costringeva tre volte l’anno a cure disintossicanti e ammise anche di avere avuto simpatie fasciste in gioventù. Simpatie di cui si è pentito definendole in una lettera “una follia della giovinezza” e “il più grande errore della mia vita”. In una intervista aveva spiegato di essere molto parsimonioso. ”Con i soldi – aveva spiegato – sto abbastanza attento. Sono una specie di scozzese di Svezia. D’altronde se incomincio a comprare beni di lusso spingo gli altri a imitarmi ed è importante che i leader diano il buon esempio”. In coerenza con questa filosofia Mister Ikea è stato sempre alla larga dai ristoranti più costosi e ha dato l’ennesima prova quando la cittadina natale gli aveva eretto una statua: ha tagliato il nastro inaugurale come si fa in queste occasione e poi l’ha ripiegato con cura e consegnato al sindaco. ”Può essere ancora usato”, gli aveva sussurrato.

“Ingvar sarà rimpianto e la sua famiglia e i collaboratori di Ikea nel mondo si ricorderanno di lui con calore”, recita ancora il tweet di Ikea Svezia. “È stato un imprenditore unico, che ha avuto una grande importanza per l’economia svedese”, ha commentato il premier della Svezia, Stefan Löfven, secondo quanto riporta l’agenzia svedese TT, aggiungendo che “è stato anche fonte di ispirazione con una grande forza di impegno a livello internazionale e per il territorio svedese”.