Boris Becker è in bancarotta. La sua ospitata a Che tempo che fa su Rai 1 di domenica scorsa, in cui è stato convinto da Fabio Fazio a improvvisarsi un improbabile ingegner Filini nella replica della scena cult di Fantozzi, era più una richiesta d’aiuto che un simpatico sketch. Il campione di tennis, 50 anni, è senza soldi e ora anche senza trofei: ha lanciato un appello per ritrovare alcuni dei suoi più prestigiosi premi. Non trova più cinque delle sei coppe del Grand Slam (due Australian Open e tre Wimbledon) conquistate in carriera, oltre a una medaglia d’oro delle Olimpiadi di Barcellona del 1992. In totale 14 dei suoi trofei vinti in 15 anni di carriera, in cui ha conquistato un Wimbledon a 17 anni nel 1984, altri 5 Slam, 64 titoli Atp, due Coppa Davis e anche il primo gradino del podio in doppio ai Giochi estivi di 16 anni fa.

I problemi economici del tedesco sono noti dalla scorsa estate. Becker è stato dichiarato fallito da un giudice britannico dopo una controversia con una società di private equity che gli ha prestato diversi milioni di dollari. E per questo l’ex numero uno del mondo ha pensato di mettere sul mercato le sue coppe, cimeli preziosi per collezionisti o musei, e pagare così, almeno in parte, i debiti accumulati. “Il signor Becker non sa dove si trovino attualmente i trofei – ha dichiarato un suo portavoce – Nel frattempo stiamo studiando un piano di rientro nell’arco di tre anni, valutando anche la vendita di proprietà nel Regno Unito e in altri Paesi del mondo”.

La settimana scorsa, Becker e i curatori fallimentari hanno rilasciato una dichiarazione in cui si dice che l’All England Tennis Club, la Federazione Tennis tedesca, l’Associazione Tennis Usa, quella Australia e l’International Tennis Hall of Fame “non sembrano” avere i trofei mancanti. “Il signor Becker e i curatori fallimentari pubblicano quindi un appello congiunto al pubblico per qualsiasi informazione che possa aiutare a individuare i trofei mancanti del Sig. Becker”, ha aggiunto la nota.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tennis, Jana Novotna morta a 49 anni. “Talento senza controllo. Pura grazia”

next
Articolo Successivo

Tennis, Roger Federer eterno: vince l’Australian Open e conquista il 20esimo Slam della sua carriera

next