Boris Becker è in bancarotta. La sua ospitata a Che tempo che fa su Rai 1 di domenica scorsa, in cui è stato convinto da Fabio Fazio a improvvisarsi un improbabile ingegner Filini nella replica della scena cult di Fantozzi, era più una richiesta d’aiuto che un simpatico sketch. Il campione di tennis, 50 anni, è senza soldi e ora anche senza trofei: ha lanciato un appello per ritrovare alcuni dei suoi più prestigiosi premi. Non trova più cinque delle sei coppe del Grand Slam (due Australian Open e tre Wimbledon) conquistate in carriera, oltre a una medaglia d’oro delle Olimpiadi di Barcellona del 1992. In totale 14 dei suoi trofei vinti in 15 anni di carriera, in cui ha conquistato un Wimbledon a 17 anni nel 1984, altri 5 Slam, 64 titoli Atp, due Coppa Davis e anche il primo gradino del podio in doppio ai Giochi estivi di 16 anni fa.

I problemi economici del tedesco sono noti dalla scorsa estate. Becker è stato dichiarato fallito da un giudice britannico dopo una controversia con una società di private equity che gli ha prestato diversi milioni di dollari. E per questo l’ex numero uno del mondo ha pensato di mettere sul mercato le sue coppe, cimeli preziosi per collezionisti o musei, e pagare così, almeno in parte, i debiti accumulati. “Il signor Becker non sa dove si trovino attualmente i trofei – ha dichiarato un suo portavoce – Nel frattempo stiamo studiando un piano di rientro nell’arco di tre anni, valutando anche la vendita di proprietà nel Regno Unito e in altri Paesi del mondo”.

La settimana scorsa, Becker e i curatori fallimentari hanno rilasciato una dichiarazione in cui si dice che l’All England Tennis Club, la Federazione Tennis tedesca, l’Associazione Tennis Usa, quella Australia e l’International Tennis Hall of Fame “non sembrano” avere i trofei mancanti. “Il signor Becker e i curatori fallimentari pubblicano quindi un appello congiunto al pubblico per qualsiasi informazione che possa aiutare a individuare i trofei mancanti del Sig. Becker”, ha aggiunto la nota.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tennis, Jana Novotna morta a 49 anni. “Talento senza controllo. Pura grazia”

prev
Articolo Successivo

Tennis, Roger Federer eterno: vince l’Australian Open e conquista il 20esimo Slam della sua carriera

next