“Riteniamo che il Parlamento Europeo debba avere un forte ruolo nella ricerca della verità e sono contenta che i deputati di Cambridge si uniscano in questa battaglia. Venerdì saremo a Cambridge e ai vertici dell’Università chiederemo di fare chiarezza. Ci attendiamo anche una iniziativa da parte loro (degli egiziani, ndr) e sappiamo che è forte l’attività dell’ambasciata presso l’Egitto”. Così l’eurodeputata Isabella De Monte del Gruppo dell’Alleanza Progressista dei Socialisti e Democratici (S&D) che ha organizzato, insieme ai colleghi italiani e inglesi, una iniziativa di commemorazione di Giulio Regeni presso il Parlamento Europeo, a due anni dalla scomparsa, tortura e uccisione del ricercatore friulano al Cairo. “Hanno accettato questo incontro e non hanno posto resistenza. Da parte loro c’è un atteggiamento di difesa e questo è comprensibile, ma i parlamentari europei hanno un ruolo per poter insistere”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

C’è ghiaccio sulla strada e si pattina che è un piacere. L’incredibile manovra dello scuolabus

next