Un decreto del ’98 ha deciso che l’esposizione del tricolore equivale a quella di un’insegna pubblicitaria. E che ci vuole una tassa. Una delle tante, assurde imposte che la maggior parte di noi italiani non sa nemmeno di pagare. A collezionarle per una serie di video pubblicati su Facebook è Simone Serafini. Suoi soggetto e scrittura del progetto Onorevole X: “L’obiettivo è far sorridere le persone cercando di informarle”, spiega Serafini. QUI gli altri video, e le altre tasse da pagare

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Per un pelo” è un eufemismo. L’autista di questo carro attrezzi è l’uomo più fortunato del mondo: reggetevi forte

next
Articolo Successivo

Lavorare con lentezza, ma davvero. Stressati? Fate caso alla vostra reazione di fronte a questo cassiere

next