Scatole di cioccolatini, pacchi regalo per la famiglia, i tacchi delle scarpe o vere e proprie “valigie milionarie“: è vario il repertorio degli espedienti adottati dai passeggeri per tentare di eludere i controlli della dogana dell’aeroporto Fiumicino. Il traffico illegale di contante sta vivendo un vero e proprio boom: nel 2017 i doganieri e i finanzieri del gruppo di Fiumicino hanno sequestrato oltre 14 milioni di euro che stavano per lasciare illegalmente l’Italia. È infatti obbligatorio dichiarare quando si movimentano somme in contanti superiori a o pari a 10mila euro.

I risultati dell’operazione denominata “New Start” hanno portato alla luce un vero fiume di denaro che dall’Italia viene trasferito illegalmente in Asia, Africa e Medio Oriente soprattutto. Nel corso dello scorso anno, infatti, i finanzieri del Comando Provinciale Roma e i funzionari dell’Agenzia delle Dogane di Roma 2 hanno intensificato i controlli sui passeggeri in partenza: nel dettaglio, i militari hanno contestato 665 violazioni con il sequestro di oltre 4.400mila euro e l’immediata riscossione di sanzioni amministrative per circa 300mila euro.

Nel corso delle perquisizioni, i finanzieri hanno trovato contanti occultati nell’intelaiatura metallica dei bagagli come in nel caso di alcuni passeggeri nigeriani, fino a trovarsi di fronte a veri e propri ”corrieri di valuta” che lasciavano incustodite le “valigie milionarie”, piene di denaro contante, nel tragitto dal check-in di partenza fino al nastro di riconsegna dello scalo finale, pronti a rischiare, quindi, di perdere l’intera posta in gioco piuttosto che affrontare i massicci controlli doganali. Tutti i soggetti verbalizzati sono stati segnalati ai reparti competenti della Guardia di Finanza per i dovuti approfondimenti ai fini fiscali. L’operazione di servizio conferma l’impegno della Guardia di Finanza e dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli per il contrasto di ogni forma di illegalità economico-finanziaria.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ancora vive, il canto delle le migranti è commovente. Salvate dai volontari della ong nel Canale di Sicilia

next
Articolo Successivo

Cassino, 14enne scrive nel tema: “Sono stata stuprata da papà”. Gip: “Confidenze attendibili e agghiaccianti”

next