Dopo alcuni teaser lasciati filtrare su Twitter durante le scorse settimane, l’ex Pallone d’Oro olandese Ruud Gullit ha annunciato la nascita del Team Gullit, un’accademia per player di FIFA – il videogame calcistico di Electronic Arts – con l’obiettivo di trovare ed aiutare nella crescita nuovi talenti che, senza il supporto di un Club Calcistico o eSport, difficilmente riuscirebbero a raggiungere le luci della ribalta.

Gullit ha raccontato di essersi avvicinato a FIFA grazie ai suoi due figli e, dopo essere stato ospite alle competizioni ufficiali di FIFA lo scorso anno, ha scoperto il mondo che si nasconde dietro il videogioco. “Le strategie e le scelte effettuate dai giocatori di FIFA hanno una forte somiglianza a quelle effettuate  negli sport reali” ha dichiarato il campione olandese, secondo cui “diventare un ambasciatore (del team, ndr) vuol dire che posso creare nuove opportunità per questi talenti e condividere con loro ciò che ho imparato, quando ero un giovane talento, sul mondo dello sport professionistico”.

Al momento nel Team Gullit hanno trovato posto Floris “FLORISACM” Jorna, Julian “JULIANBERG1203” van den Berg e Dani “DANI-VISSER” Visser, tre promettenti gamer olandesi rispettivamente di 18, 17 e 16anni – Jorna e Visser hanno raggiunto i  playoff del prossimo turno della FIFA eWorld Cup, che si giocherà a Barcellona il 26 e 27 Gennaio-, che saranno seguiti dallo staff sia per quanto riguarda gli aspetti prettamente relativi al gioco, studiando apposite sessioni di allenamento, sia per quanto riguarda la gestione del rapporto con social e media.

Ruud Gullit non è il primo ex-calciatore ad affacciarsi al mondo degli eSport, lo scorso anno infatti il campione brasiliano Ronaldo acquisì delle quote dei CNB, organizzazione brasiliana attiva nella locale scena di League of Legends.