Un migrante è morto folgorato sul tetto di un treno mentre da Ventimiglia cercava di superare il confine e arrivare così in Francia. Il corpo senza vita dell’uomo è stato trovato semi carbonizzato quando un treno francese della compagnia Sncf è arrivato in stazione a Mentone, in Francia, dopo aver fatto sosta anche a Ventimiglia.

È probabile che la vittima sia salita sul treno in Italia con l’intento di arrivare in Francia e che per evitare di essere sbalzato durante il viaggio si sia aggrappato al pantografo, lo strumento che trasmette energia elettrica al treno, rimanendo folgorato. La scoperta è stata fatta domenica mattina e il corpo dell’uomo non è ancora stato identificato.

Dall’inizio del 2017 ad oggi questo è il quinto caso di migranti che muoiono folgorati nel tentativo di superare il confine francese a Ventimiglia. Il primo caso si è registrato il 17 febbraio, il cadavere venne scoperto a Cannes. Il secondo e il terzo decesso avvennero a maggio, il quarto il 27 agosto. Il 15 maggio, invece, un migrante folgorato si salvò.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Genova, “coltellate a un antifascista da militanti di Casapound”: conferme al raid dalle telecamere. Orlando: “Intollerabile”

next
Articolo Successivo

Ilva, morto a 39 anni l’ex operaio Mario Amodio: campione del mondo di karate, si era ammalato di sclerosi multipla

next