La metafora di Beppe Grillo sul “jazzista che ci dà al liscio” non è piaciuta a Michele Minisci, patron del Naima jazz club di Forlì, che ha definito la dichiarazione del fondatore del Movimento 5 stelle “discriminatoria e sorpredente”: “Un giudizio razzista e discriminatorio verso una musica considerata di serie B. Molti musicisti jazz hanno sempre contaminato la loro musica col liscio, come Hengel Gualdi, Piergiorgio Farina e Germano Montefiori” ha aggiunto. Così dopo poche ore Grillo ha deciso di rispondere, e l’ha fatto a modo suo, senza parole ma con un breve video pubblicato sulla sua pagina Facebook che ha bisogno di poche spiegazioni

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Di Maio: “Se non raggiungeremo 40%, pronti a fare appello a tutte le forze politiche”

next
Articolo Successivo

Laurenzana, al referendum su accoglienza migranti vince il No. Ma nel paese non ci sono e non sono previsti arrivi

next