Dopo la riforma della Buona Scuola, che dalla scorsa estate limita molto i casi di bocciatura per la scuola primaria e per le medie, si discute della bontà del provvedimento, se sia il caso di estenderlo o meno. Un parere a favore della bocciatura arriva da Agnese Landini in Renzi, che ha rilasciato una breve dichiarazione ai microfoni di Tagadà (La7): “Da sola non ho bocciato nessuno, c’è un consiglio di classe che alla fine dell’anno decide se per quel ragazzo è meglio ripetere l’anno, per acquisire le competenze che non ha, o se farlo passare alla classe successiva”, spiega la prof, che insegna italiano e latino all’istituto tecnico e linguistico Peano di Firenze. Qualcuno è stato bocciato, perché era giusto così”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Renzi-De Benedetti, Meli vs Giuli (ex Tempi): “Decreto Popolari? L’ex premier lo disse a cani e porci. Dov’eravate voi giornalisti?”

prev
Articolo Successivo

Roma, Raggi: “Mi do come voto 7 e mezzo. Grillo? Ci sentiamo e siamo più compatti di prima”

next