“Scopri le differenze tra chi si sente padrone e chi si mette a disposizione, tra chi crede nelle nomine e chi si fa scegliere dai cittadini con le parlamentarie. Dopo certe sceneggiate sono ancor più orgoglioso di stare dalla parte del MoVimento 5 Stelle con Luigi Di Maio”. Così Gianluigi Paragone, candidato alle parlamentarie del Movimento 5 Stelle commenta la scelta di Roberto Maroni di non ricandidarsi alla guida della Regione Lombardia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Regionali, passo indietro di Maroni mette in discussione l’accordo nel centrodestra. B., dubbi su Fontana. ‘Bobo ministro? No’

next
Articolo Successivo

+Europa, suona come una minaccia. Invece è il nome di un partito

next