“Scopri le differenze tra chi si sente padrone e chi si mette a disposizione, tra chi crede nelle nomine e chi si fa scegliere dai cittadini con le parlamentarie. Dopo certe sceneggiate sono ancor più orgoglioso di stare dalla parte del MoVimento 5 Stelle con Luigi Di Maio”. Così Gianluigi Paragone, candidato alle parlamentarie del Movimento 5 Stelle commenta la scelta di Roberto Maroni di non ricandidarsi alla guida della Regione Lombardia

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regionali, passo indietro di Maroni mette in discussione l’accordo nel centrodestra. B., dubbi su Fontana. ‘Bobo ministro? No’

next
Articolo Successivo

+Europa, suona come una minaccia. Invece è il nome di un partito

next