“E se Berlusconi finisse per essere il salvatore politico dell’Italia? Non escludetelo”. Soprattutto se a dirlo è Bill Emmott, l’ex direttore del quotidiano inglese The Economist che nel 2001 firmò la celebre copertina che definiva Silvio Berlusconiinadatto a governare“. In un’intervista al Corriere della Sera, il giornalista e scrittore britannico chiarisce i motivi che l’hanno spinto – 17 anni dopo – a cambiare registro nei confronti dell’ex Cavaliere. The Bunga Bunga Party Returns to Italy è infatti il titolo della sua ultima analisi sul voto italiano per Project Syndicate.

Cosa è cambiato allora dal 2001? In realtà nulla per Bill Emmott: “Non ho mutato opinione. Resta inadeguato a guidare l’Italia – spiega -. Ma potrebbe essere determinante per formare una coalizione centrista in grado di impedire a M5s o Lega di essere forza trainante nella formazione del nuovo governo. Sarà lui a presentarsi come salvatore politico, non dico sia una cosa buona”. E avverte del rischio più grande delle prossime elezioni: “L’Europa deve sperare che Forza Italia emerga più forte della Lega: il peggiore risultato sarebbe una vittoria del centrodestra con Salvini davanti”.

Il paradosso rilevato da Bill Emmott è proprio questo: l’ex Cavalier come argine ai populismi. Incarnati, a suo dire, dal Movimento 5 Stelle e dalla Lega. Nonostante siano “rimasti popolari” e le “loro proposte politiche siano maturate”, per Emmott i grillini rimangono ancora “privi di esperienza e di credibilità. Forse è un po’ ingiusto dire che al governo sarebbero come la Casa Bianca di Trump, ma in qualche modo sì, potenzialmente potrebbero essere altrettanto ”sperimentali” e caotici”.

“Ma Berlusconi non può diventare premier, sarà un manovratore dietro le quinte, è in quel ruolo che dobbiamo valutarlo e in quel ruolo non credo possa essere così negativo. Le sue posizioni sono più moderate di quelle di Salvini e Di Maio”. E, secondo Emmott,  proprio quest’ultimo punto potrebbe giocare a favore dell’ex Cav alle prossime elezioni. “Forza Italia è attorno al 16%, Renzi al 22. Quindi Renzi è più popolare di Berlusconi, ma Berlusconi ha più possibilità di formare una coalizione perché non ha irritato tanta gente quanto il leader dem. Può costruire una alleanza sia a destra con Lega e Fratelli d’Italia, sia al centro. È più abile per il sistema italiano. Renzi non ha amici né alleati”. “Berlusconi è stato importante anche con Monti e Letta, il sostegno del suo partito ad alcune riforme è stato già vitale”, aggiunge Emmott. “Dire che l’Europa spera in lui però può essere fuorviante: spera in una coalizione centrista moderata, o in una grande coalizione”. Merito di Berlusconi è quindi la capacità di sapersi costruire sempre una rete di amici e alleati, cosa che non riesce invece a Matteo Renzi, anche lui al centro dell’analisi di Emmott. Per l’ex direttore dell’Economist, la grande debolezza di Renzi è stato il “non aver costruito una vera squadra e non aver facilitato la collaborazione tra i partner di coalizione e dentro il Pd”. Inoltre, ha puntato troppo dal punto di vista politico sul referendum. “Ha commesso una serie di tragici errori“, spiega Emmott, secondo cui il leader è stato “troppo arrogante“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Roma, ‘Basta campi rom e magna magna’ diceva. Ma il piano Raggi ha funzionato?

next
Articolo Successivo

Sondaggi, al Senato si torna al 2001: centrodestra in vantaggio. Il Pd tiene solo nelle regioni rosse. M5s al centro – Sud

next