“Nel calcio l’amore finisce molto in fretta, soprattutto per l’allenatore che è sempre il capro espiatorio. A me non dispiaceva Sinisa però c’era bisogno di una novità, adesso speriamo che Mazzarri cambiando anche modulo possa portare questa squadra dove merita di essere” ma anche “Secondo me avrebbero dovuto lasciare Sinisa fino alla fine del campionato, così vogliono solo sciacquar gli occhi ai tifosi per non fare acquisti a gennaio”. Queste alcune delle voci raccolte nella “roccaforte” della tifoseria granata, la zona intorno allo stadio Filadelfia, dove chiunque, dal barman al farmacista tifa Toro da generazioni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Calciomercato, Spalletti: “Chi piange non vince mai. Per migliorare bisogna prendere giocatori più forti”

prev
Articolo Successivo

L’Inter spera in Edoardo Vergani, giovane promessa e bomber silenzioso

next