È stata uccisa, sezionata in più di dieci pezzi e poi chiusa in alcuni sacchi che sono stati abbandonati nelle campagne di Valeggio sul Mincio, in provincia di Verona. Il cadavere della donna è stata ritrovato sabato sera da un allevatore in una zona isolata di località Gardone, a oltre due chilometri dalle prime case abitate e – secondo gli investigatori che hanno “ricostruito” completamente il corpo – era stato scaricato nelle 24-48 ore precedenti.

Chi ha ucciso, sono convinti i carabinieri, lo ha fatto altrove. Poi dopo aver tagliato il cadavere, probabilmente con una sega a motore, lo ha trasportato sul luogo del ritrovamento e ha sparpagliato i pezzi in un ipotetico cerchio del diametro di circa 5 metri. Una disposizione che potrebbe far pensare a un rituale, ma gli inquirenti fanno notare che la donna non ha subito mutilazioni.

I militari dell’Arma stanno cercando di risalire all’identità della vittima, la cui testa è intatta. Di certo, si tratta di una donna tra i 30 e i 40 anni di carnagione chiara, capelli castani di media lunghezza e con addosso la sola biancheria intima. Le indagini stanno vagliando le segnalazioni di persone scomparse e allo stesso tempo si sta provando a capire quanto possano raccontare quanto i resti del cadavere. E nelle ultime ore, grazie alla luce del giorno e all’assenza di pioggia, gli investigatori stanno cercando eventuali altri elementi tra cui impronte di scarpe o di pneumatici.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sofiya Melnyk presa a calci e bastonate prima di essere buttata nella scarpata: “C’è ipotesi che fosse ancora viva”

prev
Articolo Successivo

Verona, il cadavere fatto a pezzi e trovato nei campi è di una marocchina di 46 anni

next