Pronti, via. Neanche il tempo di iniziare e la giunta regionale di Musumeci perde il primo pezzo: Vincenzo Figuccia si dimette da assessore regionale all’Energia, in polemica con Gianfranco Miccichè. “Oggi più che mai – dice – sento di essere un uomo libero e da tale condizione continuo a portare avanti le mie idee, rimanendo fedele al mandato degli elettori che mi hanno votato per tutelare la posizione dei cittadini, di chi soffre, di chi vive una condizione di difficoltà economica e di chi è lontano dai palazzi dorati. La mia maggioranza è la gente che ha creduto in un’azione di cambiamento e di discontinuità”.

“La mia maggioranza è la gente che ha creduto in un’azione di cambiamento e di discontinuità. Ci sono tante aspettative verso questo governo, che sono certo non verranno disattese, ma non posso non tenere conto degli accadimenti politici, consumatisi nelle ultime ventiquattro ore, che ledono la dignità dei cittadini siciliani, consegnano un’immagine inopportuna e distorta e che rendono impossibile la prosecuzione del mandato di assessore all’energia e ai servizi di pubblica utilità, conferitomi dal presidente Musumeci“, spiega. Il riferimento è alle polemiche dei giorni scorsi con il presidente della Assemblea per gli stipendi d’oro ai dirigenti regionali. Per parte sua, il diretto interessato non sembra particolarmente colpito: “Figuccia chi?”, ha risposto Gianfranco Micciché ai cronisti che gli chiedevano un commento.

Ironica invece la reazione del Partito democratico. “Complimenti a Musumeci, davvero un bell’inizio. Il suo governo non è stato capace di completare neppure la luna di miele”, dice Antonello Cracolici, parlamentare regionale del Pd: “Neanche nelle previsioni più azzardate – aggiunge Cracolici – avrei immaginato che in appena due settimane il governo perdesse un pezzo in un settore strategico e fondamentale per la Sicilia“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Auto 2018, non solo brand tradizionali. Ecco i newcomer, da Alibaba a Google

prev
Articolo Successivo

Gentiloni: “Governo non ha tirato a campare. Capitolo diritti incompiuto. Commissione Banche? Legittima, ma non utile”

next