La madre di Paolo legge l’unico quotidiano della città di Parma e guarda la tv, quindi sa come va il mondo: “Sono troppi… come facciamo poi noi? Manderei i delinquenti a casa loro” sono i suoi cavalli di battaglia. Il figlio poco può fare contro tale bombardamento mediatico.

Poi succede che un ragazzo africano vada ad abitare dirimpetto ai suoi genitori. Lo incontra sul pianerottolo e con un sorriso saluta i genitori di Paolo: “Ciao mami, ciao papi”. Un sentimento di mini gelosia lo pervade. Paolo va pranzo e la madre chiede al padre se ha portato la frutta al “ragazzo”. Paolo domanda che frutta e che ragazzo.

Rispondono che ogni tanto gli danno qualcosa (forse pensano che tutti gli africani siano poveri in canna). Gli hanno chiesto se mangia la torta fritta con il salume e alla sua risposta gli hanno dato anche quella assieme a una bottiglia di vino.

Passa qualche giorno e al nuovo amico africano rubano la bicicletta nel cortile di casa. In meno di ventiquattro ore il padre di Paolo rimette in sesto la sua che non usa da anni e gliela regala.
E’ passato un anno. La moglie del vicino, mesi prima, è partita per l’Africa e non si è più vista. Il padre di Paolo chiede più volte quando torna, ma le risposte sono vaghe, continua a rimandare la data del ritorno. Il ragazzo si confida con Paolo, che non comprende i dettagli ma pare che lei sia stata “trattenuta” dalla Polizia italiana per reati precedenti e ora sia detenuta.

Paolo pensa che i suoi resteranno delusi “Poverino, ma dovrà anche pagare l’avvocato, chissà quanto guadagnerà, chissà se gli restano i soldi per mangiare. Ma cosa deve fare la gente per sopravvivere. Però se lei è dentro da tanto tempo l’avrà fatta mica piccola. Ma povero ragazzo, ma come mi dispiace”, che daranno ragione ai giornali e alla televisione.

Invece preparano al ragazzo la polenta con il sugo di pomodoro e della verdura cotta. Persino i reati, come i titoli di giornale, sono meno gravi quando conosci chi li ha commessi.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Irlanda, la casa editrice contro gli scrittori sessisti: “Per autori che ritengono inaccettabile la misoginia”

next
Articolo Successivo

L’aiutante di Babbo Natale è un pensionato romano: “Riparo i giocattoli che diamo ai meno fortunati”

next