Amazon non si è presentata all’incontro con i rappresentanti dei lavoratori del centro logistico di Castel San Giovanni, in provincia di Piacenza. “Troppa pressione“, si sono giustificati i dirigenti dell’azienda, che hanno aggiunto: “Siamo sempre disponibili a cooperare con le autorità per fornire informazioni relative alle nostre attività”. Ma per i sindacati l’assenza di Amazon è “una fuga vergognosa” e “dimostra un terribile mix di arroganza e paura del confronto”. E la reazione dell’azienda ha provocato uno sciopero immediato di due ore. Oltre alla dura reazione del segretario del Terziario del Ugl, Luca Malcotti, secondo cui Amazon “prende a schiaffi anche le istituzioni italiane” con il suo rifiuto al confronto.

Il faccia a faccia in prefettura avrebbe dovuto essere il seguito del summit tenutosi nei giorni scorsi fra azienda e sindacati per il contratto integrativo, conclusosi in un nulla di fatto. Le rappresentanze dei lavoratori chiedono infatti ad Amazon nuove condizioni contrattuali e di lavoro, ma l’azienda continua ad opporsi, nonostante l’agitazione prosegua ormai da settimane e abbia portato già a uno sciopero durante il Black Friday. “I lavoratori si aspettano significativi passi in avanti che finora non è stato possibile compiere per la chiusura totale dell’azienda”, ribadiscono le segreterie territoriali dei sindacati, che non escludono a questo punto scioperi e blocchi dei mezzi “come successiva forma di lotta”.

“Siamo impegnati a costruire un dialogo continuo e una positiva cooperazione con tutti i dipendenti e a creare un ambiente attento e inclusivo nei nostri luoghi di lavoro”, hanno precisato i vertici dell’azienda che, sempre oggi, saranno ricevuti in Prefettura, ma in separata sede. I lavoratori, invece, dopo un’assemblea nel magazzino hanno proclamato uno sciopero a fine turno e organizzato un presidio davanti ai cancelli. La Cgil riferisce che l’azienda non voleva far entrare i sindacati nello stabilimento per tenere le assemblee già programmate. Solo l’intervento di polizia e carabinieri, che hanno accompagnato i sindacalisti all’interno del sito di Castel San Giovanni, ha permesso che si svolgessero gli incontri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Statali, nel nuovo contratto ipotesi di pausa pranzo di 10 minuti. Ecco le novità della bozza

next
Articolo Successivo

Garanzia Giovani: “Cercasi impiegata di bella presenza”. Poletti fa rimuovere l’annuncio dopo le polemiche

next