“Mi sembra di essere al Primo Maggio“. Piero Pelù commenta così il cast dei 20 big scelti da Claudio Baglioni, neo direttore artistico, per il prossimo festival di Sanremo. “Mi sembra che sia variegato, che ci siano tutti i generi. Manca il metal, ma a compensare c’è Ermal”, scherza il rocker fiorentino che ieri era nella giuria di Sarà Sanremo, il programma che ha scelto gli 8 giovani che si sfideranno tra le nuove proposte. “Il festival di quest’anno sarà speciale per qualità, per nomi, per voci, per penne che scrivono”, aggiunge.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Festival di Sanremo 2018, i nomi dei 20 big e delle 8 nuove proposte

prev
Articolo Successivo

Consigli per gli ascolti, la meraviglia di Bianca D’Aponte

next