“Mi sembra di essere al Primo Maggio“. Piero Pelù commenta così il cast dei 20 big scelti da Claudio Baglioni, neo direttore artistico, per il prossimo festival di Sanremo. “Mi sembra che sia variegato, che ci siano tutti i generi. Manca il metal, ma a compensare c’è Ermal”, scherza il rocker fiorentino che ieri era nella giuria di Sarà Sanremo, il programma che ha scelto gli 8 giovani che si sfideranno tra le nuove proposte. “Il festival di quest’anno sarà speciale per qualità, per nomi, per voci, per penne che scrivono”, aggiunge.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festival di Sanremo 2018, i nomi dei 20 big e delle 8 nuove proposte

next
Articolo Successivo

Consigli per gli ascolti, la meraviglia di Bianca D’Aponte

next