Tre ore surreali quelle vissute nella serata di ieri a Palazzo San Macuto durante l’audizione dell’ex presidente della Banca Popolare di Vicenza, Gianni Zonin, nella Commissione parlamentare d’inchiesta sul sistema bancario e finanziario. Tre ore trascorse con Zonin che inanellava una serie incredibile di “non so”, “non ricordo”, “non rammento“, “non è che posso ricordarmi tutto” per (non) rispondere alle domande dei commissari sui fatti che hanno portato al crac dell’istituto veneto, presieduto per diciannove anni proprio da Zonin.

“No, non sono sorpreso. E’ venuto a difendersi. Qualcuno avrebbe dovuto pensarci prima” è il commento laconico del Presidente della Commissione Pierferdinando Casini, che si era detto contrario all’audizione di Zonin su cui pende una richiesta di rinvio a giudizio per ostacolo alla vigilanza, aggiotaggio e falso in prospetto. Il processo che lo vede imputato è iniziato il 12 dicembre.

“Questa audizione la chiamerei ‘io non ricordo’. Veramente assurdo. Avremmo dovuto sentirlo attraverso una audizione testimoniale, ma non si è potuto fare proprio perché indagato” si rammarica il pentastellato Alessio Villarosa; invece per il presidente del Partito Democratico e capogruppo dem in commissione Banche, Matteo Orfini, che a nome del suo partito aveva chiesto proprio l’audizione di Gianni Zonin: “Anche le omissioni nelle risposte sono delle indicazioni e comunque qualche elemento utile è emerso”.

Al termine dell’audizione, lasciando Palazzo San Macuto, il leitmotiv non cambia di fronte ai giornalisti: “I tanti ‘non ricordo’? Sono anziano e smemorato – ride l’ex numero uno di BPV – con il suo avvocato che spintona via i giornalisti, mentre un rappresentate di ‘Risparmio Rubato’ posa un manifesto proprio sul lunotto posteriore dell’auto che porta Zonin via da Roma.