Sui social network non c’è stata storia: ha vinto il Pordenone. Simpatici, autoironici, puntuali, i social media manager della squadra friuliana hanno preparato la storica partecipazione agli ottavi di Coppa Italia contro l’Inter in maniera impeccabile.

C’è Inter-Pordenone che diventa un match di Champions League accanto a Chelsea-Barcellona e Juventus-Tottenham, l’attaccante Emanuele Berrettoni batte Mauro Icardi per presenze nella massima competizione europea (tutto vero, giocò una partita con la Lazio nel 2001), doppiette in Serie C e pure nel cognome. Ci sono anche l’allusione ad entrambe le squadre “mai in Serie B” (l’Inter mai retrocessa, i neroverdi sempre dalla C in giù) e ai famosi “30 sul campo”: non sono gli scudetti, ma i pullman in arrivo a San Siro e probabilmente anche una tattica per fermare i nerazzurri. Spunta persino Josè Mourinho che si annoia durante il match contro la Juve ed esulta per quello contro il Pordenone.

Al countdown scandito dai post dei social media manager del Pordenone è corrisposto l’aumento dei follower dei profili Facebook e Twitter della società. E a poche ore dal fischio d’inizio a Milano, il presidente del club si è lanciato andare: “Aumenterò il loro stipendio – ha spiegato Mauro Lovisa alla trasmissione Tutti Convocati – Se lo sono meritato”. E la risposta è arrivata immediata, ovviamente tramite i social.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Donnarumma, Raiola vuole l’annullamento del contratto: “Violenza morale al momento della firma”

prev
Articolo Successivo

Pordenone a San Siro, dopo la favola un appello al calcio italiano: rivoluzionare la Coppa Italia per creare altro entusiasmo

next