Bagarre a Coffee Break (La7) tra il deputato Pd, Matteo Colaninno, e il senatore della Lega, Gian Marco Centinaio, sulle restrizioni dell’Ue e sul ruolo dell’Italia nell’eurozona. Colaninno insorge durante il dibattito, ricordando il passaggio al governo Monti nel novembre del 2011: “Ma le gente non si ricorda che prima eravamo stati presi a calci nel sedere come Italia? Eravamo fuori dalla porta e l’Europa ci imponeva qualsiasi questione per sopravvivere. Quei sorrisini della Merkel e di Sarkozy cosa significavano? Che nessuno credeva più in noi. Per rimanere a galla e per cercare di boccheggiare abbiamo dovuto fare delle cose allucinanti”. E stigmatizza i No Euro: “Oggi è facile dire che bastava uscire dall’euro o sforare. Io non credo alle magie e ai maghi, sono tutte balle, è una presa in giro. Anni fa abbiamo perso più di un milione di posti di lavoro. Centinaia di migliaia di imprese sono fallite. In questi anni, piano piano e con convinzione, Renzi ha puntato sul rimettere in moto il volano dell’economia e i risultati oggi si vedono: siamo usciti dal baratro” – continua – “e abbiamo recuperato i livelli pre-crisi, anche se vogliamo andare ben oltre. E i dati non del Pd, ma di Eurostat, di Istat, del Fondo Monetario, ci danno ragione e dicono anche che non siamo gli ultimi dell’Europa, è una balla. Grazie a Renzi e a Gentiloni, rispetto a prima abbiamo una credibilità superiore, abbiamo ottenuto risultati e spazi che in passato nemmeno avrebbero considerato. Non si può venire qui a raccontare balle, come la proposta di uscire dall’euro”. Centinaio ribatte: “Veramente ora la gente sta peggio di prima. Quello che state raccontando, e cioè che siamo tornati al livello pre-crisi, non lo vedo. Io incontro gente che sta male”. “Ma siamo seri! È chiaro che la gente sta male!”, replica Colaninno. “E allora dillo” – ammonisce Centinaio – “Dì alla gente che prima della crisi c’erano lavoratori a tempo indeterminato e adesso, grazie a Renzi, ci sono persone che vengono pagate con le pizze a 3,50 euro all’ora”. “Grazie a noi e grazie a Renzi” – controbatte il deputato Pd – “c’è un milione di persone che possono guardare al futuro con più ottimismo di prima”. “Sì, ci sono anche quattro milioni di persone sotto la soglia di povertà”, chiosa Centinaio

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Etruria, Di Pietro a Migliore: “Boschi perderà la causa civile e pagherà anche le spese legali di de Bortoli”

next
Articolo Successivo

Vitalizi, Trefiletti (Isscon) vs Meli: “Sono privilegi ingiusti”. “Le sue parole sono trionfo della demagogia”

next