Tutta colpa di una tisana. Svolta sul caso dell’avvelenamento da tallio nella famiglia di Nova Milanese, nella quale sono morte tre persone e cinque in totale sono finite in ospedale. Tracce della sostanza in quantità superiore alla soglia minima di sicurezza sono state trovate in una tisana ‘campionata’ a casa di Alessio Palma e Maria Lina Pedon, coniugi ultraottantenni del paese nel Monzese ricoverati da metà novembre per avvelenamento da tallio. I due anziani, come detto, sono gli ultimi due casi, in ordine di tempo, che si sono verificati nello stesso clan familiare. La tisana incriminata, contenuta in una terrina priva di marca e di indicazioni circa la provenienza, è stata ‘campionata’ dai tecnici dell’Agenzia Tutela Salute per la provincia di Monza e Brianza, nel corso dell’ultimo sopralluogo effettuato dai carabinieri di Nova Milanese (Monza). Gli esiti dei test, eseguiti a Torino presso l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Piemonte Liguria e Valle d’Aosta, hanno evidenziato la positività al tallio di alcune “erbe da infuso” non di fabbricazione commerciale, su cui sono in corso verifiche per risalire a chi potrebbe averle preparate.

Nel frattempo, resta ricoverato a Desio in condizioni stabili Alessio Palma, in procinto di essere trasferito da medicina generale all’Unità di cure subacute, in vista di un suo progressivo miglioramento. È stata invece trasferita al San Gerardo di Monza Maria Lina Pedon, 81 enne moglie di Palma, che è stata operata lunedì scorso per un mixoma atriale, scoperto per caso durante la terapia per l’avvelenamento, ma ad esso non collegato. I due anziani sono i suoceri di Domenico Del Zotto, di 55 anni, figlio di Giovanni Battista Del Zotto (94 anni) e Gioia Maria Pittana (91 anni) e fratello di Patrizia Del Zotto (63 anni), tutti e tre deceduti i primi di ottobre, sempre in ospedale a Desio, per avvelenamento da tallio. Della stessa famiglia sono ancora ricoverate presso gli Istituti Clinici Scientifici Maugeri di Pavia Laura Del Zotto, 58 enne sorella di Patrizia e Domenico, e Serafina Pogliani, 49enne badante della famiglia. Nel frattempo, ieri è stato dimesso dall’ospedale di Desio Enrico Ronchi, 64 anni, ricoverato dallo scorso 3 ottobre. A renderlo noto è la stessa direzione ospedaliera che, dalla fine dell’estate, ha ricoverato gli otto membri della famiglia, tra cui la moglie di Ronchi, morta a causa del veleno. Su questo caso la Procura di Monza ha aperto un fascicolo per omicidio colposo, al momento contro ignoti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Siena, casa all’asta per insolvenza del mutuo: una disabile si taglia le vene in tribunale

next
Articolo Successivo

Caserta, parroco denuncia due giovani che lo ricattavano minacciando di diffondere un suo video hard

next