LA MANO INVISIBILE di David Macian. Con Anahí Beholi, Josean Bengoetxea, Eduardo Ferrés. Spagna 2016. Durata 78’. Voto 3,5/5 (DT)

Un capannone industriale, neon ad illuminarne il centro e tutt’attorno il buio. Undici persone vengono chiamate a compiere sotto i riflettori le proprie mansioni lavorative davanti ad un pubblico che rumoreggia, ridacchia, fischia, ma che non vediamo mai. Come non vediamo mai i “committenti” di quello che somiglia a qualcosa tra uno spettacolo teatrale e un reality show. Tra gli undici ci sono un muratore, una sarta, un meccanico, un macellaio, una telefonista da call center, un tecnico informatico, una donna delle pulizie e un barista: tutti dovranno compiere le loro azioni di lavoro, anche se a fine giornata ognuno dovrà o distruggere il risultato del proprio agire o della propria fatica (il muratore abbatterà il muro, il meccanico smonterà e rimonterà l’auto, il barista butterà i panini invenduti, la carne tagliata dal macellaio buttata, ecc…). Fino a quando un gesto di rottura metterà in discussione l’ “esperimento”. Mirabile intuizione figurativa dell’alienazione e dello sfruttamento dell’uomo nella pratica lavorativa, con una scenografia che ricorda la Dogville di Von Trier e con un’atmosfera algida che rievoca lo sguardo cinico di Haneke, La mano invisibile richiama sì il banalissimo assunto del mercato del lavoro che si regolerebbe (sadicamente) da solo di Adam Smith, ma soprattutto mette in scena con rigore filologico il saggio kafkiano di Isaac Rosa Camacho dove esplode lampante la disumanizzazione della persona che prende (e dà, dove può) ordini spesso senza senso, fino a far emergere la brutalità recondita dell’animo umano. Forse l’unico film di questo nuovo secolo che affronta di petto gli effetti perversi della deregulation nel mercato del lavoro post globalizzato. Attori sconosciuti ma incredibilmente centrati nel loro ruolo identitario professionale. Infine il palco che come spettatori guardiamo per un’ora e venti sembra essere beffardamente uno specchio in cui siamo tragicamente riflessi.

INDIETRO

Film in uscita al cinema, cosa vedere (e non) nel fine settimana del 24 novembre

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Quentin Tarantino, dopo lo scandalo Weinstein il regista cerca un produttore con 100 milioni di dollari

prev
Articolo Successivo

The 48 hour film project, “That’s la vie” vince il premio Fatto Quotidiano. Il corto del team Zero

next