Sono tre toghe storiche della procura di Milano che hanno condotto importanti inchieste nel corso degli anni. Fabio De Pasquale, Alessandra Dolci e Tiziana Siciliano ed Eugenio Fusco salgono di grado: il Csm li ha nominati procuratori aggiunti. De Pasquale ha coordinato l’inchiesta sul caso dei diritti tv Mediaset che portò alla condanna di Silvio Berlusconi. Ma è stato anche il pm dei processi Mills e sul caso Eni-Nigeria e in passato giudice in importanti dibattimenti, come quello a carico di Salvatore Ligresti. Il pm lavora nella cittadella giudiziaria milanese da 26 anni come sostituto ed attualmente capo del Dipartimento sui reati economico-finanziari.

Tiziana Siciliano, attualmente coordinatore del pool Ambiente, salute e lavoro, ha sostenuto l’accusa nel processo ai medici della Chirurgia toracica della clinica Santa Rita di Milano, coordina l’inchiesta sul processo Ruby ter e, tra gli altri procedimenti, ha condotto l’indagine sulla morte di Dj Fabo. Alessandra Dolci ha sempre seguito procedimenti in materia di criminalità organizzata. Le nomine di De Pasquale e Dolci sono passate con 18 voti; quella di Siciliano all’unanimità. Nel corso della seduta pomeridiana il plenum del Csm ha nominato il quarto procuratore aggiunto, Eugenio Fusco, votato a maggioranza con 21 preferenze. Il magistrato è stato pm nei processi Parmalat, Antonveneta e Finmeccanica.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Eni, “evasione da 10 milioni di euro su benzina e gasolio”. Sequestrati depositi e raffinerie, 14 dipendenti indagati

prev
Articolo Successivo

Sicilia, indagine a Catania su presunto voto di scambio alle regionali: “50 euro a voto”

next