“Ti accarezzano quando sei in piazza, il giorno dopo si voltano dall’altra parte, per questo i lavoratori hanno capito che è necessario uscire dalle fabbriche e scendere in strada, perché se no la politica di te si dimentica”. Così Bruno Manganaro, segretario generale Fiom a Genova. È il passato il primo giorno di occupazione allo stabilimento Ilva di Cornigliano, dove l’assemblea di fabbrica ha deciso di iniziare lo sciopero a oltranza e bloccare tutte le linee di produzione per chiedere il rispetto dell’accordo di programma che vincola Governo e proprietà a mantenere i livelli occupazionali (leggi l’articolo). “Un tempo tutto il mondo guardava agli operai e a quello che avveniva in fabbrica – aggiunge Manganaro – negli stabilimenti genovesi c’erano le sezioni del Pci e la politica teneva in considerazione le nostre istanze perché sapeva che hanno ripercussioni su tutta la città. Oggi il Partito democratico, che avrebbe dovuto raccogliere quell’eredità, non ha neanche un rappresentante in fabbrica e ancora una volta tocca a noi della Fiom colmare il vuoto totale di rappresentanza e difendere da soli i nostri diritti”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pensione a 67 anni, strada in salita per le esenzioni. Istat: “Differenziare è tema complesso”

next
Articolo Successivo

Pensione a 67 anni, tavolo tecnico si sta trasformando in politico. Cgil: “Distanze tali che non si può trattare”

next