Dopo il passo di lato di Grillo, il passo indietro di Di Maio. Il dietrofront da parte del candidato premier del Movimento 5 Stelle a partecipare alla puntata di DiMartedì assieme a Matteo Renzi ha scatenato i social. Era stato proprio Di Maio a chiedere al segretario del Partito democratico il faccia a faccia a colpi di tweet. Ed è proprio sullo stesso terreno di battaglia, Twitter, che si fioccano le reazioni al cambio di programma. Tra chi difende la scelta del pentastellato e chi la considera un “suicidio politico“, l’hashtag #DiMaio è schizzato in cima ai trending topic, davanti a un’altra grillina, Chiara Appendino, indagata quest’oggi per gli incidenti di piazza San Carlo.

Lo sfotto più abusato è sicuramente quello legato al mondo dell’università e alla mancata laurea di Di Maio: “Lo do al prossimo appello”, oppure “è come quel compagno che alle interrogazioni programmate si dà malato”. Dello stesso avviso anche il senatore Pd Francesco Scalia: “C’è solo un modo per definire il passo indietro di Di Maio dal confronto con Matteo Renzi: ridicolo. Il candidato M5S ha usato giustificazioni inconsistenti: poteva anche dire che lo aspettavamo all’università per dare uno dei tanti esami mai superati!”. Scatenati un po’ tutti i dem: da Alessia Morani che ironizza con l’hashtag #braveheart, storico film con Mel Gibson “cuore impavido”, al renzianissimo Marcucci che dà del #coniglio al candidato premier dei Cinque Stelle.

Altro punto su cui gli utenti spingono è il congiuntivo, sul quale il candidato premier è scivolato in passato.”Non ha ancora finito di studiare il congiuntivo”, twitta Claudia.”Non è che #DiMaio abbia #paura di #Renzi, è che ha perso il bignami del #congiuntivo e da solo non può farcela. E #Floris non suggerisce mai”.

Un utente chiede a Di Maio di non scappare in Belgio, seguendo le orme dell’ex presidente catalano Carles Puigdemont, volato a Bruxelles dopo l’applicazione dell’articolo 155 ha spiccato un mandato di arresto nei suoi confronti. Ma secondo Lorenzo, il motivo del rifiuto è molto semplice: “È il giorno del calcetto”.

Secondo il popolo del web, il due di picche di Di Maio a Renzi è paragonato alla più classica sola ricevuta da qualche ragazza. “Di Maio è come una ragazza che ti chiede di uscire decidendo giorno, ora, cinema e film ma che la vigilia scrive che non vuole più sentirti”.

 

Immancabili i vari fotomontaggi, video e gif per prendere in giro la decisione. I più gettonati sono le rivisitazione della vicenda viste con gli occhi dei Simpson. Un Di Maio in versione Homer che si nasconde in una siepe, o un Beppe Grillo che porta via da un ring Di Maio, con Renzi che rimane a bocca aperta nel quadrato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Di Maio rinuncia al confronto Tv con Renzi. Richetti (Pd): “Pd ha leader con qualche votino in più del loro candidato premier”

next
Articolo Successivo

Mentana: “Di Maio dice no a confronto con Renzi? Ha sbagliato, non è elegante lanciare guanto di sfida e poi ritirarlo”

next