“Quelli di Casapound Italia continuamente minacciano e picchiano alcuni esponenti del territorio, tra cui il sottoscritto”. A parlare è Diego Gianella, candidato consigliere della lista civica Laboratorio Civico X che sostiene il parroco Don Franco De Donno (guarda il video) nelle elezioni del prossimo 5 novembre a Ostia. “Sono stato minacciato e picchiato più volte”, dice Gianella. “Non posso più parcheggiare la macchina sotto casa perché ho paura che mi rompano i vetri. Lo hanno fatto e hanno lasciato i loro volantini dentro. Ho denunciato, in quel caso contro ignoti. In altri casi, quando sapevo i nomi, li ho sempre fatti e ora ci sono delle indagini. La loro è una politica violenta, organizzata, fascista”. Luca Marsella, candidato di Casapound alla presidenza del X municipio e già condannato a due mesi con pena sospesa per minacce di morte a dei liceali che avevano manifestato contro l’apertura di un circolo CPI in città, nega ogni addebito: “E’ una condanna montata ad arte”. E aggiunge: “Questi sono i mezzi degli antifascisti manovrati dai grandi poteri per screditarci”. E rimanda al mittente anche le affermazioni di Gianella. “Nego la violenza, con lui e con chiunque altro”, spiega a ilfattoquotidiano.it. Ma secondo Gianella la cittadinanza “non li vuole”. E continua sui rapporti con gli esponenti di un clan locale: “E’ solo grazie agli Spada se prenderanno qualche voto in più, loro portano un buon pacchetto di voti”. Sull’appoggio – manifestato con un post su Facebook – di Roberto Spada, fratello (che non risulta indagato) di Carmine Spada, condannato in primo grado a dieci anni per estorsione con l’aggravante mafiosa, Marsella tira dritto: “Quel post è stato strumentalizzato: dice che CPI prende voti nei quartieri popolari”, spiega. “Questo succede perché Casapound sostiene gli italiani. Non faremo favori a nessuno e condanniamo qualsiasi forma di malaffare”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Accordo nel centrodestra, Meloni frena: “Fratelli d’Italia con Berlusconi e Salvini? Direi che è ancora presto”

next
Articolo Successivo

Ius soli, il ministro Orlando: “Serve il coraggio di mettere la fiducia. E’ una legge di civiltà”

next