Due minorenni denunciati per interruzione di pubblico servizio e violenza a pubblico ufficiale, ed un terzo coetaneo, invece, per diffamazione. Sono questi i risultati della diffusione sul web di un video girato all’interno di una classe prima superiore dell’istituto Galilei di Mirandola, nel Modenese, in cui si vede uno studente che dall’ultimo banco in fondo alla classe tira due cestini dei rifiuti durante la lezione: uno contro un compagno e l’altro contro la professoressa in quel momento seduta dietro alla cattedra.

Ad immortalare la scena un terzo studente, col cellulare. L’episodio è ben presto finito all’attenzione dei Carabinieri, che ora chiamano due studenti a rispondere, appunto, del lancio dei cestino, in primis, e anche di una matita sempre contro la professoressa – quest’ultimo episodio però non è nel video circolato in rete – ed un terzo, responsabile invece di aver diffuso il video sul Web.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Yoga a scuola, l’idea di Gentiloni divide gli insegnanti di educazione fisica: “Non è adatto ai bimbi”. “Finalmente una svolta”

next
Articolo Successivo

Yoga nelle scuole, sette motivi per cui è un’ipotesi senza senso

next