Mi hanno costretto a mangiare escrementi e altre porcherie. Mi hanno fatto ubriacare. Mi hanno molestato con un ombrello. E una volta mi hanno portato da una prostituta e hanno preteso che mi appartassi con lei dietro a un muretto, mentre loro stavano a guardare”. Lo aveva raccontato un adolescente della provincia di Torino che due anni fa aveva denunciato due compagni di scuola. Ora per quegli episodi, contestati dalla Procura come reati di stalking, violenze e lesioni, è stata inflitta una condanna a 8 anni come richiesto dall’accusa sostenuta dal pm Dionigi Tibone. I due ragazzi che sono finiti alla sbarra hanno negato le accuse sin dal principio. “Non è mai successo niente di tutto questo, siamo sempre stati amici”.

Parla invece di “sentenza esemplare” uno dei legali di parte civile, l’avvocato Maria Giovanna Musone, commentando il verdetto. La storia risale al periodo tra il febbraio del 2013 e il settembre del 2014. La vittima, all’epoca dei fatti, aveva 16 anni e frequentava un istituto professionale in Provincia insieme ai due imputati, di qualche anno più grandi. I tre erano amici ma, ad un certo punto, il più piccolo –
secondo l’accusa del pm Dionigi Tibone – avrebbe cominciato a essere preso di mira e a subire ogni genere di angherie. Per strada, quando i tre erano in giro dopo la scuola; a casa, quando si trattava di fare i compiti e studiare insieme. Violenze ripetute, a cui la presunta vittima non avrebbe mai saputo opporsi. “Se anche mi ribellavo, loro lo facevano lo stesso” aveva spiegato agli inquirenti. “Avevo paura ed ero
rassegnato – ha aggiunto – Sino a che non ce l’ho più fatta e ho parlato di quell’inferno”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fisco, processo Giacomini: tutti assolti dal Tribunale di Verbania perché il fatto non sussiste

prev
Articolo Successivo

Reggio Calabria, al via processo sulla ‘ndrangheta stragista. Familiari: “Chi ha sbagliato paghi senza sconti”

next