Renzi? Una faccia di tolla come costui io l’ho vista poche volte. Ma è stato lui a espropriare i risparmiatori col decreto salva-banche“. Così a Tagadà (La7) il responsabile economico della Lega, Claudio Borghi, commenta l’intervento pronunciato ieri dal leader del Pd a Otto e Mezzo sul caso Bankitalia. Durante la trasmissione, vengono proposte le dichiarazioni di Renzi (“Il Pd è un partito di sinistra e, come tale, non può aver paura di difendere i risparmiatori“). La giornalista del Corriere della Sera, Maria Teresa Meli, puntualizza: “Renzi ovviamente ha dovuto rispondere così al Pd, perché metà partito gli ha sparato addosso“. Borghi non ci sta e accusa: “Dal dopoguerra non era mai successo che un obbligazionista bancario, cioè un risparmiatore che ha messo i suoi soldi in obbligazioni bancarie, perdesse il proprio denaro. Ci ha pensato Renzi con un decreto suicida“. Insorgono Meli e l’ex ministro Paolo Cirino Pomicino: “Non è così, è una falsità. Non c’entra quel decreto”. Esplode la polemica e Cirino Pomicino punta il dito contro la direttiva europea e Mario Monti. Borghi replica: “Quella direttiva europea entrava in vigore il 1 gennaio. L’ha recepita il governo Renzi. Il decreto salva-banche risale a novembre, quindi Renzi aveva tutto il tempo di salvare quei risparmiatori. E invece ha voluto fare il ‘ganassa’, il figo con quelli dell’Europa, facendo vedere che lui si portava avanti. E ha azzerato volontariamente i risparmiatori, tanto è che vero che solo dopo si è reso conto dell’idiozia che aveva fatto. Infatti, quando è giunto il turno del Monte Paschi, è arrivata la salvaguardia. Pertanto, questo è tutta colpa di Renzi”. Poi aggiunge: “Non dimentichiamo anche un piccolo istinto di Renzi. Durante il suo governo, una delle che cose che ha fatto benissimo è stato quello di occupare qualsiasi poltrona con gli amici suoi. Quindi, c’era anche la governance di Bankitalia in scadenza. Figuratevi se Renzi non si fregava le mani. Il suo istinto è quello dello scorpione con la rana quando vede una poltrona. I nomi in lizza sono due: Fortis e Bini Smaghi“. E Meli protesta: “Non sono quelli i nomi e uno dei due non è nemmeno suo amico”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bankitalia, Padellaro vs Nardella (Pd): “Boschi? Paradossale che ci sia lei in prima linea nella mozione contro Visco”

next
Articolo Successivo

Pd, Giachetti vs Speranza (Mdp): “Lui e Bersani ipocriti. Prima vogliono annientare Renzi, oggi vogliono il dialogo”

next