È morto a 92 anni lo storico Rosario Villari, ex deputato del Pci e docente di storia all’università di Roma, Messina e Firenze. Era nato il 12 luglio 1925 a Bagnara Calabra. La notizia della sua morte è stata data dal fratello Lucio, anche lui storico. Villari, membro dell’Accademia dei Lincei, è stato uno dei più grandi esperti della storia del Mezzogiorno ed i suoi libri hanno istruito intere generazioni di studenti. Allievo di Galvano Della Volpe, prese parte alla militanza antifascista e alla fine degli anni Settanta è stato parlamentare membro del comitato centrale del Partito comunista italiano, rivendicando più autonomia rispetto alla linea sovietica. I funerali si terranno domani a Cetona, in provincia di Siena, dove abitava da tempo. “Con lui la cultura italiana e il Paese perdono un grande intellettuale – ha dichiarato il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini – È stato storico e politico di valore, una personalità che ha saputo coniugare al meglio studio, passione e militanza nel segno della ricerca, dell’insegnamento e dell’impegno sociale”. Anche il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha voluto ricordare Villari sul suo profilo Facebook: “Personalità preziosa che nella sua vita ha saputo saldare l’opera intellettuale all’impegno politico. La sua opera e il suo impegno resteranno un contributo fondamentale per il mondo del sapere italiano e internazionale. Un esempio per la sinistra che intenda svolgere il compito storico per cui è nata, stare dalla parte dei ‘semplici’ e di chi è più indifeso”.