Lo ius soli? “È un percorso, come quello che ho fatto io”. In piazza a Roma per dire “stop invasione” c’è anche il responsabile immigrazione del nuovo Movimento nazionale per la Sovranità di Gianni Alemanno e Francesco Storace. Si chiama Paolo Diop, è originario del Senegal ed è arrivato con la sua famiglia in Italia quando aveva due mesi. “Credo che tutti lo debbano fare. La legge attuale non discrimina nessuno, ma ci dà il tempo di capire se sei un vero italiano o no”, dice a margine della manifestazione romana (guarda il video) per dire no a ius soli e “all’invasione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Grillo dopo la nuova legge elettorale: “Vincono perché sono dopati, e se vinciamo noi vale doppio”

next
Articolo Successivo

Migranti, Alemanno e Storace in piazza. Danno i numeri: “750mila clandestini tra Renzi e Alfano: no invasione e ius soli”

next