Almeno due persone sono rimaste uccise e numerose ferite in un attacco al campus della Technical University di Mombasa, in KenyaUna decina di uomini armati ha aperto il fuoco su alcune vetture con a bordo studenti, come riporta l’agenzia Reuters citando fonti di polizia e testimoni. Sarebbe stata attaccata anche un’auto della polizia che stava entrando nel campus e il conducente e due agenti sarebbero rimasti feriti. Le vittime sono due donne dipendenti dell’università.

Gli attentatori non sono ancora stati identificati, ma potrebbero far parte del gruppo islamista somalo Al Shabaab, che nel 2015 fu il responsabile dell’attacco all’università di Garissa, sempre in Kenya, in cui rimasero uccisi 148 studenti. I miliziani di Al Shabaab compiono spesso attacchi lungo il confine tra Somalia e Kenya e lungo la costa keniota.

Il mezzo attaccato, spiega un poliziotto alla Reuters, era “un pullman che stava trasportando studenti della Technical University dai loro alloggi al campus di Ukunda per le lezioni, scortato da un furgone con a bordo staff del college e due agenti di polizia”. “Circa dieci uomini armati sono usciti da alcuni cespugli e hanno iniziato a sparare al furgone”, continua il poliziotto. Un’altra testimone ha raccontato di essere scesa e scappata dal pullman insieme ad altri studenti e di aver visto diversi compagni coperti di sangue.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dalla Catalogna alla Lombardia, perché fare un referendum per l’indipendenza non ha senso

prev
Articolo Successivo

Tragedia alla gara di cross, spettatore travolto e ucciso mentre attraversa la pista

next