Anis Hannachi, il fratello del killer che alla stazione di Saint-Charles di Marsiglia ha ucciso a coltellate le cugine Laure e Marianne, era stato respinto dall’Italia nel 2014 quando arrivò a Favignana con altri tunisini su un barcone. Poco dopo si era arruolato in Siria e Iraq come foreign fighter, dove è rimasto per quasi due anni. Ed è stato proprio lui, secondo la ricostruzione degli inquirenti italiani e francesi, a indottrinare Ahmed portandolo al terrorismo jihadista. Un passato da combattente e un presente da fuggitivo tra Francia e Italia, che gli aveva provocato anche dei sentimenti di “stanchezza, disagio e turbamento”, fino all’arresto, avvenuto a Ferrara l’8 ottobre mentre, di notte, percorreva in bicicletta le vie della città. La probabile presenza dell’uomo in Italia era stata segnalata dalle autorità francesi la sera del 3 ottobre e il 4 si è avuta la certezza che fosse nel nostro Paese, in Liguria. E la sua presenza nel nostro paese era stata segnalata dalle autorità francesi, che ipotizzavano il suo arrivo nel nostro Paese già dal 27 settembre scorso.

Il procuratore antimafia e antiterrorismo Franco Roberti ha riferito che Hannachi verrà estradato in Francia entro pochi giorni. “I tempi dell’estradizione – ha sottolineato Roberti – saranno molto ristretti, qualche giorno, non di più. La procedura con la Francia è già stata attivata”. Il procuratore ha poi affermato che, al momento, Anis Hannachi non sta collaborando con gli investigatori e gli inquirenti. Quando è stato fermato, il tunisino non aveva con se documenti e agli uomini della Digos di Bologna e Ferrara ha dato un nome di fantasia e detto di essere algerino.  Allo stato attuale delle indagini, ha inoltre precisato il direttore del servizio centrale antiterrorismo Lamberto Giannini, “non emergono segnali riguardanti la possibile pianificazione di atti sul nostro territorio”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Brescia, il gup proscioglie Alfredo Robledo dall’accusa di abuso d’ufficio

prev
Articolo Successivo

Stefano Cucchi, “mancata diagnosi e cure inadeguate”. Ecco perché la Cassazione ha annullato l’assoluzione dei medici

next