A poche ore dal voto e dalla rinnovate minacce del premier turco Recep Tayyip Erdogan che ha inviato truppe al confine, anche Kirkuk, una delle province contese fra Iraq e Kurdistan, si prepara al referendum per l’indipendenza della regione autonoma dall’Iraq. In questa città a circa 70 km a sud di Erbil, convivono curdi, arabi e turkmeni. Ecco cosa pensa la gente di questo appuntamento ormai imminente, sicura che i rapporti fra le tre etnie possano continuare ma cautamente preoccupata per le relazioni future del Kurdistan con i paesi vicini  di Ilaria Romano

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bombe italiane all’Arabia Saudita, il parlamento respinge le mozioni per fermarle

next
Articolo Successivo

Germania, troppo raffinata per far prevalere l’ultradestra

next