Il Vaticano allontana i clochard da Piazza San Pietro. La decisione è stata presa, secondo quanto riporta l’Ansa, per restituire decoro a un’area dove ogni giorno migliaia di pellegrini e di turisti si affollano per entrare in basilica o per visitare i Musei Vaticani. “E’ una questione di sicurezza e di buon senso“, ha commentato Greg Burke, direttore della sala stampa vaticana. Papa Francesco è stato informato dell’intervento.

La situazione aveva toccato il culmine quest’estate, quando era circolata la fotografia di un senzatetto intento a urinare proprio sotto al colonnato del Bernini. Stando a quanto raccontano i poliziotti in servizio a Borgo Pio, sono frequenti anche le risse notturne tra alcuni clochard. Inoltre, gli agenti avevano scoperto che alcuni di loro erano sottoposti alle violenze di altri senzatetto che imponevano una sorta di pizzo per l’accesso alle docce. Questi episodi hanno convinto la Gendarmeria vaticana a intervenire, non per cacciare del tutto i senzatetto, ma per poter tenere la piazza più pulita e ordinata durante la giornata.

L’azione del Vaticano è avvenuta in raccordo con l’ispettorato di Polizia di Borgo Pio, con il Comune e con l’Ama. Per quanto riguarda i clochard, cui lo stesso papa Francesco ha voluto dare speciale accoglienza facendo predisporre per loro dei servizi di bagni e di docce e anche un dormitorio, potranno continuare a dormire la notte sotto i porticati. Quello che viene chiesto loro è di lasciare le aree libere la mattina per poter permettere ai mezzi di operare la pulizia. L’Elemosineria vaticana, fanno sapere dalla Santa Sede, continuerà ad occuparsi della loro accoglienza, così come restano in funzione i bagni e le docce e tutti i servizi di assistenza, come i pasti serali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pedofilia, Papa Francesco: “La Chiesa è arrivata tardi. Mai la grazia ai colpevoli”

prev
Articolo Successivo

Nicolina, Noemi e gli altri. Le vittime innocenti di violenza e ignavia di Stato

next