Tenuta segregata per quattro anni dal padre e venduta come sposa a uno sconosciuto per 15mila euro. Con l’obbligo di mantenere la verginità, dimagrire e imparare a fare le faccende domestiche, pena il rifiuto da parte del futuro marito. La ragazza, oggi 17enne, originaria dell’Est Europa ma residente a Firenze, è riuscita a salvarsi chiedendo aiuto attraverso la chat di un gioco per smartphone.

Quando tutto è cominciato, nel 2013, la giovane aveva 13 anni. Il padre l’aveva promessa in sposa a un connazionale residente con la famiglia in Francia. I due stipularono un accordo: 15mila euro per la “vendita” della ragazza, di cui 4mila da versare come acconto di lì a dieci mesi, quando la famiglia del futuro sposo si sarebbe recata in Italia. In quell’occasione fu stabilito che in attesa delle nozze la giovane avrebbe dovuto rimanere vergine, perdere peso e imparare a fare i mestieri in casa, pena la restituzione della somma versata e la rottura dell’accordo. Da quel momento per la ragazza comincia la segregazione: chiusa in casa dal padre, poteva uscire solo poche volte al mese per fare la spesa, sempre in compagnia di uno degli uomini di famiglia.

Proprio in una di queste rare uscite, la giovane riesce ad agganciare il suo cellulare (a cui era stata tolta la scheda Sim, per non farla telefonare e mandare messaggi) a una rete wifi libera. Trova un gioco online, si connette e inizia a scrivere nella chat, chiedendo aiuto. Dall’altra parte dello schermo c’è un ragazzo residente in Sicilia, che segnala il caso a un centro antiviolenza, facendo scattare le indagini della Squadra mobile di Firenze.

Il padre, 49 anni, è stato arrestato e si trova in carcere in custodia cautelare, secondo quanto disposto dal gip su richiesta della Dda fiorentina. L’uomo è accusato di riduzione in schiavitù ai danni della figlia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Noemi Durini, il fidanzato esce dalla caserma e saluta la folla: carabinieri evitano il linciaggio

prev
Articolo Successivo

Polizia, punito il vicequestore scomodo che denunciava le promozioni di agenti del G8: ‘Non ha stampato un documento’

next