Statue e simboli confederati, un pezzo della storia americana, sono nell’occhio del ciclone in queste ore negli Stati Uniti, con le tensioni altissime dopo gli scontri di Charlottesville. Un clima che ha però portato l’attenzione anche su un altro particolare monumento che si trova a Chicago: una colonna intitolata ad Italo Balbo, dono di Benito Mussolini e che porta con sé – con tanto di iscrizione sul piedistallo – la testimonianza dell’Italia fascista e imperiale.

Il monumento fu donato alla città da Mussolini nel 1934 per celebrare la trasvolata atlantica dell’aviatore italiano, nonché ministro dell’Aeronautica, da Roma verso l’Illinois, avvenuta l’anno prima. In quell’occasione Balbo partecipò anche all’Expo di Chicago, il cui tema era l’innovazione tecnologica. A quell’epoca i rapporti fra Italia e Usa erano ancora ottimi e l’impresa fu molto seguita e considerata straordinaria. La statua si trova a Burnham Park e reca la scritta: “L’Italia fascista con il patrocinio di Benito Mussolini presenta a Chicago la commemorazione di un volo di Balbo nell’undicesimo anno del regime”.

Adesso il suo futuro è in bilico, scrive il Chicago Tribune, dopo che due consiglieri comunali – Ed Burke e Gilbert Villegas – stanno spingendo per la rimozione del monumento e sono determinati a porre la questione durante la prossima riunione del consiglio comunale a settembre. Un gruppo di manifestanti si è riunito per chiederne la rimozione. Non è la prima volta che si fa un tentativo simile ma vuole presentare una petizione per rimuovere la colonna “pensiamo che il clima adesso sia diverso”, ha detto Villegas, scrive il giornale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trump come Hitler secondo Stern: in copertina mentre fa il saluto nazista

prev
Articolo Successivo

Corea del Sud, condannato a 5 anni erede dell’impero Samsung: “Corruzione”

next