“Ci hanno svegliato con gli idranti, poi abbiamo provato a protestare ma ci hanno sgomberato con la forza”.Mostra i segni dei manganelli Beretek, un rifugiato eritreo, tra coloro sgomberati dal palazzo di via Curtatone a Roma, e stamattina anche dalla piazza lì accanto dove si era formato un nuovo accampamento. La polizia, in assetto antisommossa, ha usato anche gli idranti per liberare la zona occupata da circa 400 richiedenti asilo e rifugiati, in gran parte etiopi e eritrei. Le donne si sono inginocchiate per terra con le braccia alzate. “Ci hanno preso per i capelli e sbattute per terra” raccontano alcune di loro.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto Centro Italia, dopo un anno consegnato solo il 23% delle casette provvisorie richieste

next
Articolo Successivo

Roma rifugiati inseguiti tra taxi e passeggeri della stazione Termini. Polizia nervosa: “Fuori dai coglioni…”

next