“Ci hanno svegliato con gli idranti, poi abbiamo provato a protestare ma ci hanno sgomberato con la forza”.Mostra i segni dei manganelli Beretek, un rifugiato eritreo, tra coloro sgomberati dal palazzo di via Curtatone a Roma, e stamattina anche dalla piazza lì accanto dove si era formato un nuovo accampamento. La polizia, in assetto antisommossa, ha usato anche gli idranti per liberare la zona occupata da circa 400 richiedenti asilo e rifugiati, in gran parte etiopi e eritrei. Le donne si sono inginocchiate per terra con le braccia alzate. “Ci hanno preso per i capelli e sbattute per terra” raccontano alcune di loro.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto Centro Italia, dopo un anno consegnato solo il 23% delle casette provvisorie richieste

next
Articolo Successivo

Roma rifugiati inseguiti tra taxi e passeggeri della stazione Termini. Polizia nervosa: “Fuori dai coglioni…”

next