“A me 60 euro non cambiano nulla ma tu rimani sempre un povero handiccappato“. A scriverlo è un uomo che ha parcheggiato sul posto riservato ai disabili in zona Carugate, a Milano, ma non ha mandato giù la sanzione. Non solo ha infranto il codice della strada e delle buone maniere. Convinto di essere nel giusto ha voluto mettere nero su bianco “l’ingiustizia subita” in un cartellone fotografato e postato sui social da un passante.

È successo nel parcheggio di un grande centro commerciale. Nei giorni scorsi è apparso un cartello dedicato “a te handiccappato (sic) che ieri hai chiamato i vigili per non fare due metri in più”. Nel messaggio l’uomo ha scritto: “A me 60 euro non cambiano nulla ma tu rimani sempre un povero handiccappato…”. Poi in rosso per enfatizzare: “Sono contento che ti sia capitata questa disgrazia!”. Il poster è stato fotografato e diffuso da un passante, Claudio Sala: “Volevo condividere questa perla di civiltà trovata oggi al parcheggio sotterraneo del Carosello di Carugate…” ha scritto in un post con centinaia di condivisioni. Sala ha inviato la stessa immagine al centro commerciale, che gli ha comunicato di aver immediatamente rimosso il cartello.

Il post è diventato virale e ha suscitato l’indignazione dei social. Il centro commerciale Carosello ha pubblicato una nota, fissandola in alto nella bacheca Facebook: “Con riferimento al vergognoso cartello esposto da ignoti  – si legge – la direzione del centro si dissocia completamente dal contenuto dello stesso”. Anche il Comune di Carugate ha condannato il gesto dell’autore del cartello definendolo un “atto vile e incivile che non può essere in alcun modo giustificato” ed esprimendo viva solidarietà alla vittima di tanta maleducazione e inciviltà”.

Intanto la procura di Milano  procede per diffamazione aggravata – scrive Repubblica.it –  mentre i vigili urbani di Carugate hanno acquisito i video del parcheggio sotterraneo del centro commerciale Carosello. L’auto e il proprietario, infatti, sono già stati individuati secondo il giornale. Ma è da accertare se la persona che compare nei video consegnati dal centro commerciale mentre attacca il cartello alla cassetta di un idrante, sia la stessa che ha la proprietà del veicolo.

A Milano nei primi sei mesi dell’anno, secondo i dati diffusi dal Comune alla fine luglio, sono state 71.819 le multe per soste sul marciapiede, in seconda fila, davanti a dei passi carrai o nei posti dei disabili. “Se calcoliamo che gli spazi per invalidi a Milano sono in totale 4.661, vuol dire che – aveva notato l’assessore alla Sicurezza Carmela Rozza – più della metà di questi (62,8%) almeno una volta in sei mesi è stato occupato da chi non ne aveva diritto, creando problemi a chi ha seri problemi di mobilità”.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Razzismo, insulti al prete che ha portato in piscina i migranti. Salvini: “Anti-italiano”. Pd: “Vergognoso attaccarlo”

next
Articolo Successivo

Aborto, in Cile la Corte costituzionale dà via libera alla depenalizzazione parziale

next